14 marzo 2016

Lo chiamavano Jeeg Robot spiegato da un romano (in romanesco)

@ Futuribilepassato | Luca Tittoni. Uscito dal cinema la prima frase che ho attirato è stata: "Per fortuna non fai il critico cinematografico". La mia risata oltre che di pancia è servita a prendere tempo e anticipava la voglia di capire maggiormente questo film.
Così l'ho "ripercorso" in alcune scene unendole alla storia della città di Roma, ad alcune sue tradizioni e caratteristiche, al contesto odierno sotto più punti di vista e chi, appunto, più ne ha più ne metta.
Così, gira de qua, leggi de là, chiudi di qui, riapri de qua, ecco che m'imbatto in questa "storia".
Ora si che "Lo chiamavano Jeeg Robot" è più comprensibile ed entusiasmante anche per me che ho "faticato".
Recensione 'na cifra gajarda e tratta dal sito The Movie Shelter, a firma de Fabio de Felice, clicca qua.
Mi permetto di riportarla, in parte, anche sotto. Scegliete pure l'idioma, di sicuro, buona lettura e, in caso, buona visione.

Ao, mettete a sede e stamme a senti’. Giù, continua a tene’ il telefono davanti alla faccia, ma mettete seduto. Dovemo fa’ un discorso: al cinema ce sta un film che devi anna’ a vede’ per forza. Lascia perde tutte quell’altre cazzate. Tanto quelli belli l’hai già visti tutti. Te sei uno de quelli che vanno a vede tutti i film co i supereroi. Fai bene, eh, perché me li vedo pure io. Me piacciono, ce fanno passa due orette da paura, non te danno da pensa’ e te divertono. Tante volte so pure fatti bene. Certo, dopo tutti ‘sti film uguali, uno s’è pure fatto du’ palle così, perché so’ dieci anni che se sorbimo la stessa storia, e uno arriva al cinema che sa già tutto: questo pija i poteri, se innamora e qualche volta je more ‘a pischella. Solo così impara che ‘sti poteri li deve usa pe’ fa’ bene, non pe’ fasse li cazzi sua. Capace che se je partiva a schicchera prima quella poveretta manco je crepava tra le braccia, ma ‘sti supereroi so tutti così. De coccio.
Insomma, te pacciono ‘ste cafonate americane. Te leggi pure i fumetti e je lasci una piotta al mese al fumettaro tuo. ‘O facevo pure io, tranquillo, qui nessuno te sta a giudica’. Stai a parla’ co’ uno come te. Mbe, te voglio di’ che al cinema ce sta un film così. Un film che parla de supereroi che però ‘sta volta non stanno a New York, a combatte’ ‘sti cattivi che non so’ né carne né pesce, che Er Pasticca, ‘o spacciatore de quanno andavi a scola, te faceva più paura, e nessuno je se avvicinava perché se diceva che era cattivo fracico. No, ‘sta volta stanno a Roma. A Tor Bella Monaca, anzi, che così te lo figuri pure mejo. Lo Chiamavano Jeeg Robot, se chiama così ma alla fine Jeeg Robot non c’entra niente. È un pretesto, che significa che sta lì perché te serve come aggancio a racconta’ una storia più grossa. Una storia che parla de Roma e de chi ce abita: parla de me, de te, der Pasticca. Parla de tutti. 
E, credime, la cosa più bella del film è proprio che riesce a prende le storie dei supereroi co’ la tutina de calzamaglia e er pacco in evidenza e trasportarle qua. A fa grande sto film è il fatto de raccontatte ancora una volta ‘sta minestra, para para, ma de fallo in modo e maniera che te sembra nova. Te sembra ‘na cosa straordinaria, che non hai mai visto, e tu stai la davanti co’ la bocca aperta, e dici: nun svejateme.
Er protagonista è Enzo, uno che fa li scippi, un poveraccio qualsiasi. Uno che non c’ha manco n’amico; che se more oggi, domani non ce va nessuno a piagne ar funerale. Casca ner Tevere e invece de piasse la Scabbia se pia i superpoteri. Solo che questo è ignorante da mori’ e invece de salva la gente se va a fa i bancomat o i furgoni porta valori. Li sfonna a cazzotti, se pija i sordi e poi ciao core. La storia però è più complessa: ce sta ‘na donna, un po’ scocciata, che je piace, e ce sta un cattivo: ‘O Zingaro. Zingaro è uno in fissa co’ a televisione, Buona Domenica, er Grande Fratello. E ‘sto Enzo finisce in mezzo a un brutto giro, co’ Zingaro che deve rida’ i soldi a un gruppo de napoletani venuti a Roma per spigne la roba.
Mbe, me dici, ma perché ‘sto film è così bello? Intanto loro due so’ fenomenali. Quando mai t’è capitato che in un film de supereroi hai visto er buono e er cattivo così belli? Che stai lì e non vedi l’ora de sape’ che sta a fa quell’altro: te piace la storia d’amore, te piace er percorso che fa lui che all’inizio non je ne frega un cazzo de nessuno e poi diventa un eroe. Te affascina lo Zingaro, che è fissato de dove’ appari’ su Youtube, in televisione, ar telegiornale. Ne conosci pure te uno così, dai, de quelli che te dicono che vorrebbero fini’ a Uomini e Donne, a fa’ le ospitate in discoteca pe’ non fa più un cazzo nella vita e convincese de esse qualcuno. Quelli che so cresciuti cor mito de Scarface, de Romanzo Criminale, co tutti ‘sti cazzo de ragazzetti de periferia che giocano a fa i gangster su Youtube e so sempre pieni de soldi e de mignotte. Allora giustamente pensi: ao, ma io che so’ un cojone? Ecco, ‘o Zingaro è proprio quel personaggio là, che dentro c’avemo un po’ tutti.
Prosegue al link di cui sopra.

1 commento:

Grazie per commentare in questo sito.