13 agosto 2015

Tuscolo, sotto la chiesa medievale un importante edificio pubblico romano

@ Futuribilepassato | Luca Tittoni. Alcuni luoghi respirano e creano legami indissolubili. Tuscolo, per me, è uno di questi luoghi. "Sopra" Villa Aldobrandini e Villa Tuscolana, con Villa Mondragone che guarda un po' ingelosita, non ci si annoia mai: diciottesima campagna di scavi e scoperte ovviamente di primo livello.
Ah, se ci fossero maggiori fondi! Magari anche una minuscola manicciata di terra, ops, denaro pubblico, che il Governo ha scelto di investire nel controverso decreto "Sblocca Italia".
Nel 2014, ad esempio, la situazione fondi per Tusculum e per le principali opere riguardanti l'area storico culturale a sud di Roma, era questa, cliccare qui.
Magari per Governo e Regione i latini, poi gli etruschi e infine i romani erano soltanto dei palazzinari, ma, certo, di sontuosa, illuminante, estrazione e fattura.
Qui per visionare il sito del Parco Archeologico del Monte Tuscolo e qui l'interessante articolo riportato per intero anche sotto. Tuscolo purtroppo oggetto di nuovi roghi soltanto qualche giorno fa (qui). Buona lettura.

I ricercatori del Consiglio Superiore per la Ricerca Scientifica (CSIC) hanno rinvenuto una chiesa medievale e un sigillo di papa Alessandro III (XII secolo) nel sito archeologico di Tuscolo (Lazio, Italia) durante il 18 ° stagione di scavi, che si è concluso il 17 del mese di luglio scorso.
La campagna di quest’anno è stata sviluppata in due fasi (maggio e luglio). La prima è focalizzata sulla parte alta della città, acropoli (rocca medievale), in relazione agli scavi già iniziati nel 2012 nella zona delle mura di cinta e della cisterna. Spiega il direttore del Progetto Tuscolo, Chocarro Leonor Peña, “I risultati confermano che il primo circuito di mura è di età repubblicana e prosegue nei secoli centrali del Medioevo, dove parte dei materiali da costruzione furono recuperati per costruire le nuova fortificazione dotata di torri difensive”.  Durante lo scavo si è rinvenuto un sigillo di piombo di Papa Alessandro III (1159-1181) perfettamente conservato, in cui si distinguono i volti di San Paolo e San Pietro da un lato, e il nome del papa nell’altro.
Valeria Beolchini, ricercatore presso la Scuola Spagnola di Storia e Archeologia del CSIC a Roma, ha detto: “Questo è un elemento eccezionale di grande importanza storica, che conferma la presenza del Papa e la sua Curia nel palazzo dei Conti di Tuscolo, situato in Rocca, per lunghi periodi di tempo. In realtà, si sposa perfettamente con il quadro storico che potremmo ricostruire grazie alle fonti del periodo”. Nello stesso strato che ha documentato una pentola cucina completa con resti di cibo (ossa), attualmente in fase di studio nel laboratorio dell’Istituto di Storia Archeobiologia CSIC di Madrid.
Lo scavo ha rivelato la presenza di ceramica del X secolo a.C. e nell’età del Ferro che attestano la frequentazione di comunità umane nel territorio dell’Acropoli e che ci permette per la prima volta, di confermare l’esistenza di una possibile frequentazione della zona durante la I millennio a.C..
Inoltre, l’analisi di immagini aeree scattate con droni durante le campagne degli anni precedenti ha portato all’identificazione del tessuto urbano del nucleo della Rocca e indagare una delle case (domus) datati tra i secoli XI-XII , dove è stata recuperata una chiave in ottimo stato, insieme ad altri oggetti.
La seconda fase di scavo si è concentrata nella parte bassa del paese, nella zona adiacente al centro monumentale (foro e teatro) della città. Diarte Pilar Blasco, ricercatore presso la Scuola Spagnola di Storia e Archeologia, che ha guidato il lavoro archeologico, sottolinea che si tratta di una ritrovamenti spettacolari “La campagna di quest’anno ci permette di seguire l’evoluzione degli edifici monumentali di Tuscolo. Le strutture scavate corrispondono a una grande chiesa medievale (con una pianta di 29 per 20 metri), della quale non si aveva alcuna notizia e che ha riutilizzato materiali da costruzione e parte del perimetro di un edificio pubblico romano, ricco di decorazioni”. Questo studio è stato messo a punto dopo aver analizzato i dati forniti dalle indagini geofisiche e immagini termiche all’infrarosso insieme a rilievi iper e multispettrali ottenuti da voli effettuati in collaborazione con Pablo Zarco, direttore dell’Istituto di Agricoltura Sostenibile del CSIC. Le informazioni ottenute indicato l’esistenza di una grande struttura di 29 metri quadrati, le cui misure potrebbero far riferimento ad un podio di un tempio romano. Cosa che potrà essere verificata con la prosecuzione degli scavi il prossimo anno. Nel sondaggio nell’angolo sud-ovest del palazzo si è documentato uno spazio dedicato alla cripta, utilizzato come ossario, dove sono stati rinvenuti numerosi teschi, femori e tibie. Questo spazio sembra organizzato in una serie di gallerie la cui profondità massima raggiunge 3,20 metri, contenente sepolture multiple. In quest’area diversi sono i materiali di riutilizzo come due enormi colonne scanalate di epoca romana.
Nella seconda indagine, nell’angolo nord-ovest, la situazione è diversa: si è documentata la presenza di mura medievali che chiudevano la chiesa a nord, e che tagliavano due fasi più antiche di epoca romana. In questa zona si evidenzia un opus sectile  in marmo bianco, con molte tessere in situ e con ancora conservato il negativo delle lastre mancanti. La tipologia della struttura e l’apparato decorativo fanno riferimento ad un grande edificio pubblico romano a cui appartengono anche le colonne individuate nell’indagine della zona a sud-ovest.
“L’importanza del grande edificio romano e del suo riutilizzo come una chiesa in epoca medievale, ci obbliga a concentrare i nostri sforzi nei prossimi anni in questo specifico settore”, ha detto Peña. “Solo gli scavi futuri potranno stabilire il ruolo del grande edificio pubblico romano che si trova sotto le fondamenta della chiesa medievale e confermare la sua importanza”, conclude.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per commentare in questo sito.