09 luglio 2015

25 settembre, tutto pronto per la decima "Notte europea dei ricercatori"

@ Futuribilepassato | Luca Tittoni. Ci siamo. 25 settembre 2015, torna la "Notte europea dei ricercatori", anniversario più importante del solito, siamo infatti alla decima edizione. L'evento fondato dalla Commissione Europea e promosso insieme a tutti gli enti istituzionali riguardanti ricerca scientifica, sostenibilità e istruzione, trova nei centri di ricerca italiani ed europei il luogo dove curiosi, appassionati, bambini ed esperti possono incontrare ricercatori o più generalmente addetti ai lavori.
L'iniziativa di solito collocata nell'ambito della "Settimana europea della scienza" prevede durante tutti i sei giorni, spettacoli, mostre, convegni, incontri pubblici, aperitivi scientifici e chi più ne ha più ne metta, il tutto per culminare con l'evento clou e cioè la "Notte europea dei ricercatori", maratona no stop fino a notte inoltrata con gli enti di ricerca aperti al pubblico.
L'area dei Castelli Romani e l'hinterland capitolino, grazie ai suoi preziosi centri scientifici e di ricerca primaria (Enea, Infn, Ingv, Inaf, Asi, Esa - Esrin, Cnr, Università di Roma Tor Vergata) e grazie all'Associazione Frascati Scienza (qui), è, da sempre e con orgoglio, un polo per la divulgazione scientifica al pubblico di successo e di assoluto prestigio.  In attesa del programma ufficiale, appuntamento fissato al 25 settembre. 
Sotto, comunicato stampa Frascati Scienza per la presentazione della "Notte europea dei ricercatori 2015", qui la sua versione originale, a fondo pagina riporto il post di "lancio" tratto direttamente dal sito della Commissione Europea. Fonte foto post tratta da Frascati Scienza. Buona lettura.

Il prossimo 25 settembre torna la Notte Europea dei Ricercatori organizzata da Frascati Scienza, il grande evento che da ormai 10 anni porta la scienza e i ricercatori tra i cittadini, i giovani, gli studenti contemporaneamente in tutta Italia e in Europa. Un’iniziativa che ha riscosso un successo sempre crescente e che è arrivata, durante la scorsa edizione, a toccare la cifra record di 50.000 presenze. Protagonisti di questo record, le sedi tradizionali della “nostra” Notte: Frascati e Roma, e le altre 9 città coinvolte attraverso le sedi locali INFN. Quest’anno si festeggia il decennale della Notte promossa dalla Commissione Europea (qui) e dedicata al mondo della scienza e dei ricercatori. La nostra realtà è tra le poche europee a poter dire con fierezza che c’eravamo dal principio. Quindi è un po’ anche la nostra festa! 
Come nel 2014, anche quest’anno dedicheremo la Notte alla “Sostenibilità“, notte europea dei ricercatori 2014argomento molto vasto e senza dubbio impegnativo e carico di connotazioni anche molto diverse tra loro, che coinvolge esigenze sociali, sviluppo economico, questioni ambientali, buone policy. Ma la sostenibilità quotidiana coinvolge anche lo stile di vita di tutti noi e addirittura il concetto stesso che abbiamo del “domani”. I ricercatori italiani sono in prima fila in questa affascinante sfida. L’area di ricerca tuscolana, con le sue eccellenze invidiate in tutto il mondo – CNR, ENEA, ESA-ESRIN, INAF, INFN, INGV, Università di Tor Vergata – è chiamata a contribuire alla costruzione degli strumenti che potranno rendere concreto il futuro, più sostenibile e, quindi, più vivibile e meno impattante sulle prossime generazioni e sull’ambiente che ci ospita.  Sono soprattutto i ricercatori che, con innovazione e creatività, possono migliorare la vita di tutti noi. 
Come per l’edizione 2014, alle sedi di Roma e Frascati si sono aggiunte quelle di Trieste, Bologna, Milano, Ferrara, Bari, Cagliari, Pavia e Pisa. Dieci città collegate tra di loro dal filo rosso della ricerca e della sostenibilità. Abbiamo interpretato la Notte Europea dei Ricercatori come un grande evento nazionale e le strette collaborazioni tra i ricercatori INFN italiani hanno favorito lo sviluppo di eventi gestiti in contemporanea in tutte e dieci queste città. Continuate a seguirci sui social e sul sito e scoprirete tutte le iniziative in programma per voi.
La Notte Europea dei Ricercatori è un progetto promosso dalla Commissione Europea, coordinato e realizzato da Frascati Scienza in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, Comune di Frascati, ASI, CNR, ENEA Frascati e Casaccia, EGO VIRGO, ESA-ESRIN, INAF Osservatorio Astronomico di Roma, INAF-Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali e INAF Bologna, INFN Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Ferrara, Frascati, Milano, Pavia, Pisa, Roma e Trieste, con Sapienza Università di Roma e il Dipartimento di Management, Università Tor Vergata e Università Roma Tre, Explora il Museo dei Bambini di Roma. L’evento vede la partecipazione, in qualità di partner di Frascati Scienza, di INGV, Telethon, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, G.Eco, Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA), Accatagliato, Associazione Arte e Scienza e Istituto Salesiano Villa Sora, Gruppo Astrofili Monti Lepini. 
Altri partner: Museo Tuscolano delle Scuderie Aldobrandini, Native, Consorzio tutela denominazione Vini Frascati, STS Multiservizi, Sotacarbo, Eataly, Associazione Tuscolana Amici di Frascati. Con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, di Expo Milano 2015, di Roma Capitale, del Comune di Monte Porzio Catone e del Parco Regionale dei Castelli Romani.
Funded by the European Commission’s Research and Innovation Framework Programme H2020 (2014-2020) by the Marie Skłodowska-Curie actions. Directorate-General for Education and Culture. European Commission under Grant Agreement.

Notte europea dei ricercatori: una notte, centinaia di città europee e non. Fonte articolo: Commissione Europea, clicca qui
Vuoi passare un venerdì sera interessante e imparare nuove cose divertendoti? Non mancare alla Notte Europea dei Ricercatori, venerdì 25 Settembre 2015! Si tratta di una mega manifestazione che si svolge simultaneamente ogni anno in una sola notte di Settembre in centinaia di città Europee e non. Con la famiglia, la scuola, gli amici o da solo potrai assistere dal vivo ad affascinanti esperimenti scientifici.
Cosa fanno realmente i ricercatori e perché ciò è importante per la tua vita quotidiana?
  • Le opere d’arte, possono essere conservate per sempre?
  • Come si analizza la qualità dell’acqua e la fertilità del suolo?
  • Può una mano bionica essere sensibile quanto una vera?
  • Quali sono i problemi dei rifiuti spaziali e come possiamo liberarcene?
  • Come possiamo sentire cantare una balena sotto l’acqua?
Troverai le risposte a queste ed ad altre domande grazie a visite guidate dietro le quinte dei laboratori di ricerca che sono normalmente chiusi al pubblico, e potrai assistere a spettacoli di scienza interattivi, esperimenti pratici o seminari.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per commentare in questo sito.