01 giugno 2015

A tale of two economies - Italy's regional divide

@ Futuribilepassato | Luca Tittoni. Mamma mia. Quando il "The Economist" si occupa "di Italia" sembra essere questa, purtroppo, l'espressione maggiormente utilizzata (attualmente azzeccata?). Nord e sud del Paese, in una parola, l'Italia. Precise differenze economiche, gap ormai strutturale etichettato come vero e proprio divario (divide). I numeri sono crudi, spesso li detesto, ma vanno letti e "legati", anche se spesso basterebbe affacciarsi da un comune balcone e respirare la situazione del cittadino medio italiano (si capirebbe davvero molto). Per entrare nel merito dell'articolo (sotto) occorrono importanti competenze e partendo dall'assunto che non ne ho, porrei, per semplicità, l'accento su due estatti riportati nell'analisi fatta dal settimanale britannico. Concetti più elementari che di pura analisi economica: il "The Economist" parla apertamente di un'Italia in stagnazione economica nel periodo temporale che va dal 2001 al 2013. 
Finalmente. 
Nessun dubbio, nessun negare, stagnazione fu! E adesso chi lo dice al cittadino nostrano? La parola incofessabile è stata autorevolmente pronunciata e ci ha nuovamente riguardati per dodici anni della nostra storia repubblicana. Sottolineo questo aspetto perchè, proprio in quegli anni, parlare del Bel paese come di un'economia avvitata in spirali di stagnazione economica era praticamente utopia. E questo non solo da parte di coloro che governano e indirizzano, cioè da coloro che a prescindere temono la leva dell'impopolarità, leva che potrebbe salvare questo Paese, ma spesso anche da quei tecnici che informano, e qui il passaggio cardine, con a cascata, il cittadino, che, aguzzando un po' la vista, insomma, non vedeva poi i ristoranti così pieni. Anche perchè alla disastrosa stagnazione ha fatto seguito la recessione.
Un ulteriore passaggio che a mio avviso suscita riflessione è l'ovvietà con la quale l'Economist parla della realtà italiana in questo modo: "These problems are not new, nor are they uniquely southern".
Davvero tutto chiaro.
L'articolo originale tratto dal The Economist può essere letto sotto o qui nella sua versione originale insieme ai grafici d'analisi riportati anche in capo al post. Unisco allo stesso e a fondo pagina, una breve sintesi (in italiano) dell'articolo tratta dal blog di Alessandro Cannavale su "Il Fatto Quotidiano", pezzo che riporta anche considerazioni a se stanti che superano il contesto dell'articolo e che ho letto con piacere pur condividendo in parte. 
Credo che il "mamma mia" vada prima di tutto ostacolato con una sana consapevolezza delle nostre immense potenzialità e dei nostri enormi limiti strutturali e culturali, così ieri, passeggiando per svago in una fresca libreria, ho acquistato un testo che desideravo molto: Alberto Bagnai, l'Italia può farcela, qui. Buona lettura.

After three years of recession, Italy’s economy actually grew in the first three months of the year, by 0.3% compared with the previous quarter. It is forecast to grow by 0.7% over the year as a whole, boosted by a weak euro, cheap oil, the European Central Bank’s bond-buying programme and a reform-minded government. That looks good compared with the country’s grim recent record: between 2001 and 2013 GDP shrank by 0.2%. National economic data always mask regional differences. In Italy, however, they disguise a divide that is deeper than normal (see charts). The country is, in effect, made up of two economies. Take that 2001-13 stagnation. In that period northern and central Italy grew by a slightly less miserable 2%. The economy of the south, meanwhile, atrophied by 7%. This is partly because the south grew more slowly than the north before the financial crisis. But the main source of the divergence has been the south’s disastrous performance since then: its economy contracted almost twice as fast as the north’s in 2008-13—by 13% compared with 7%. The mezzogiorno—eight southern regions including the islands of Sardinia and Sicily—has suffered sustained economic contraction for the past seven years. Unicredit, Italy’s biggest bank, expects it to continue this year. The Italian economy is both weaker and stronger than it appears, depending on the part of the country in question. Of the 943,000 Italians who became unemployed between 2007 and 2014, 70% were southerners. Italy’s aggregate workforce contracted by 4% over that time; the south’s, by 10.7%. Employment in the south is lower than in any country in the European Union, at 40%; in the north, it is 64%. Female employment in southern Italy is just 33%, compared with 50% nationally; that makes Greece, at 43%, look good. Unemployment last year was 21.7% in the south, compared with 13.6% nationally. The share of northern and southern families living in absolute poverty grew from 3.3% and 5.8% respectively in 2007, to 5.8% and 12.6% in 2013. Downward pressure on demand is exacerbated by the south’s lower birth rate and emigration northward and abroad. The average southern woman has 1.4 children, down from 2.2 in 1980. In the north, fertility has actually increased, from 1.4 in 1980 to 1.5 now. Net migration from south to north between 2001 and 2013 was more than 700,000 people, 70% of whom were aged between 15 and 34; more than a quarter were graduates. Marco Zigon of Getra, a Neapolitan manufacturer of electric transformers, says finding engineers in Naples, or ones willing to move there, is becoming ever harder. According to Istat, Italy’s statistical body, over the next 50 years the south could lose 4.2m residents, a fifth of its population, to the north or abroad.  These demographic trends have tempered the gap in GDP per person with the north, according to SVIMEZ, an association for the development of the mezzogiorno. But the loss of human capital, coupled with low investment in the physical sort, is sucking the region dry of the resources it needs to recover. Investment in the north shrank by a quarter between 2008 and 2013; in the south it fell by a third.
These problems are not new, nor are they uniquely southern. But they are more virulent than the economic afflictions that sap growth in the north of Italy. Crumbling infrastructure is a good example. Mr Zigon complains that the port of Naples has fallen into disrepair, hampering Getra’s exports. In April part of the main highway across Sicily collapsed due to a landslide, almost doubling the time it takes to get from one end of the island to the other. Fixing it could take years. Railways in the south include Italy’s oldest, opened in 1839. Most of Italy lags behind Europe in terms of digital infrastructure, but the south is especially backward. The same is true of civil justice and the bureaucracy, both of which are generally slower in the south. Corruption is common enough in the north, says Antonio La Spina of LUISS university in Rome, but it is more diffuse in the south, even if sums involved tend to be smaller. That makes it harder to root out.
Buoyant exports and cheaper credit have helped Italy’s economy revive in recent months. But these effects are more muted down south. The region accounts for just over a tenth of Italy’s annual exports of €400 billion ($450 billion), and much of that goes to other European countries. Whereas exports from the north grew by 2.9% last year, those from the south shrank by 4.7%, partly because the low price of oil dampened revenues at Sicilian and Sardinian refineries. Loans are often harder to get and more expensive in the south, thanks to the high rates of delinquency and bankruptcy that prevailed during the crisis. Regional divides are common in many countries, says Gianni Toniolo, an economic historian at LUISS, but Italy’s case is peculiar because of its longevity. The gulf between east and west Germany was much wider than that between northern and southern Italy in the 1990s; now it is smaller. If Italy’s economy is to grow anywhere near as fast as that of the euro zone’s powerhouse, it will have to find some way to narrow its internal divisions.

Nord - sud, mamma mia, ora il divario tra le due Italie si chiama divide. Articolo di Alessandro Cannavale, clicca qui. In un articolo recentissimo su The Economist, dal titolo “A tale of two economies”, l’Italia viene illustrata, con brevità di parole e fredda lucidità di cifre e grafici (intitolati “Mamma mia”) come un Paese in cui convivono due distinte economie. I dati economici nazionali, agli occhi della stampa estera, solo a fatica “mascherano” le dilanianti differenze regionali. Nel periodo 2001-2013, a causa della stagnazione, il Nord e il Centro del Paese sono cresciuti “di un misero 2%”. Ciò, nonostante  una politica di investimenti che ha premiato le Regioni settentrionali, come ben si legge nei grafici riportati sull’organo di stampa inglese. Mentre il Sud si è “atrofizzato del 7%”.
Ne viene fuori un quadro dicotomico, dal quale emerge un’economia più forte, o più debole, di quello che dicono i dati nazionali: dipende solo dalla prospettiva da cui li si guarda. O dalla latitudine. Si parla di quel 70% di disoccupati meridionali sui 943.000 italiani che han perso il lavoro tra il 2007 e il 2014. O dell’occupazione femminile, ferma, al Sud, al 33%; dato misero rispetto al più lusinghiero 43% dei fratelli greci. Tra i motivi del ritardo: la lentezza nell’infrastrutturazione digitale, la lentezza della giustizia civile e della burocrazia, la corruzione. Tutte presenti, in varia misura, al Nord come al Sud. Quello che viene evidenziato è un aspetto peculiare del “divide”, ossia del divario tra Nord e Sud del Paese: la sua longevità.
Sorprende, quella longevità, soprattutto chi legge e studia la Questione meridionale. Un male endemico consustanziale alla storia unitaria di questo paese. Ben più antico e consolidato di quanto possa emergere dalla sola analisi dei dati relativi all’ultimo periodo, tratteggiato a tinte forti dall’articolo dell’Economist. Se i dati spaventano, preoccupano invece le misure prese per ridurre il cosiddetto “divide”. Nelle ultime settimane sarò stato distratto, ma non ho sentito nessuno sottolineare, nei dibattiti e nei confronti, quanto evidenziato su IlSole24Ore da Stornaiuolo e Villani (qui): “La legge di Stabilità 2015 prevede (Art.1, comma20) per le imprese, dal 1 Gennaio 2015, la deduzione totale dalla base imponibile Irap del costo dei dipendenti con contratto a tempo indeterminato”. Una bella iniziativa. Soprattutto per le imprese del Centro-Nord, che “presentano ancora un margine positivo tra le retribuzioni lorde medie (rispettivamente 35.730 e 28.544 euro)e l’importo delle deduzioni forfettarie concesse negli anni precedenti”. Se non fosse che “per l’impresa-tipo del Mezzogiorno (con retribuzione lorda annuale pari a 25.564 euro) le deduzioni forfettarie e analitiche applicate negli anni precedenti hanno eguagliato l’importo della retribuzione lorda, per cui non potrà godere degli ulteriori benefici fiscali Irap. In questo modo, le imprese del Centro-Nord saranno maggiormente incentivate ad aumentare la domanda di lavoro, mentre quelle del Mezzogiorno avranno minore convenienza ad assumere”. Idem, se si parla della riduzione del cuneo fiscale (art.1 commi 118-122), per le assunzioni a tempo indeterminato. L’azienda è esonerata dal versamento dei contributi previdenziali previsti fino a 8.060 euro annui. Anche in questo caso le imprese meridionali non troveranno giovamento dal nuovo schema, secondo quanto riportato nel medesimo articolo. Che ribadisce, “la manovra sull’Irap e il Jobs Act non basteranno da soli a rilanciare la domanda di lavoro, specie nelle Regioni più deboli del Paese”.
Inutile dire che non sarebbe possibile tenere in piedi lapalissiane disparità di trattamento sul territorio, qui e altrove abbondantemente documentate, se non ci fosse un corpo elettorale sempre più inerte, al Sud, come ben dimostrano, da anni, i dati sull’astensionismo. Una forma preoccupante di “dis-impegno civile” che ha il solo merito di consolidare lo status quo. Fondato, anche, sul disinteresse di chi, anziché impegnarsi nella ricerca del migliore candidato da votare, preferisce trincerarsi nell’ignavia, incrementando gli spazi di manovra per chi, in tutta evidenza, poco a cuore tiene le sorti del nostro territorio.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per commentare in questo sito.