31 luglio 2012

Italia, giornata da incubo

Federica Pellegrini non ce l'ha fatta. E' arrivata solo quinta nella finale dei 200 stile libero, vinta dall'americana Schmitt. Medaglia d'oro quindi per la statunitense Allison Schmitt con il tempo di 1'53''61, nuovo record olimpico. Medaglia d'argento per la francese Camille Muffat in 1'55''58, bronzo all'australiana Bronte Barratt in 1'55''81. A fine gara la Pellegrini commentava sconsolata: «Bisogna sempre crederci, ma come ho detto non siamo brillanti, non c'è proprio la forma. Pensavo di nuotare meno, ma non ne avevo proprio. Ci sta». «Io ho dato tutto quel che posso ma è così. Non potevo andare a medaglia, altrimenti l'avrei fatto», ha aggiunto la campionessa azzurra. Che poi orgogliosamente si difende: «Non rimpiango niente, rifarei tutto quanto. Ora riparto da zero e pensiamo alla staffetta». Parlando ancora del suo futuro, la Pellegrini non ha escluso niente: «Un altra Olimpiade? Spero di si, per fortuna non è il prossimo anno».(Fonte articolo, clicca qui)
La finale per il terzo posto completa la giornata nera del fioretto individuale maschile. Contro il coreano Choi, sconfitto dal sorprendente egiziano Abdouelkassem, Andrea Baldini ha sempre inseguito senza riuscire ad avvicinarsi troppo, fino al finale in cui è riuscito a riportarsi sul 14 pari. Ma poi ha subito la stoccata decisiva che lo ha condannato al quarto posto. Per la cronaca la medaglia d'oro è andata al cinese Lei, che si imposto per 15-13 sull'egiziano. «Una beffa, l'ultima stoccata era un po' dubbia, c'è rammarico, chiaramente il quarto posto è il piazzamento più brutto. Arrivi lì vicino, arrivi a gustarti la medaglia, poi resti fuori dal podio e fa male» ha commentato a fine gara Baldini. «Bisogna riuscire a guardare positivamente - ha poi proseguito Baldini - per quanto ora sia difficile farlo. Ho disputato una buona prima parte di gara, non sicuramente buona l'altra. Ho pagato forse il fatto che era la mia prima Olimpiade. Non serve maggiore esperienza perchè ce l'avevo, un po' di emozione forse non mi ha fatto essere al meglio come volevo. Oggi ho tirato bene, ma non era la mia giornata». L'azzurro era stato battuto in semifinale dal cinese Lei per 15-11. Quest'ultimo aveva superato nei quarti il nostro Valerio Aspromonte. Anche Andrea Cassarà era stato eliminato nei quarti, sempre a sorpresa, dall'egiziano Abdouelkassem. Il campione del mondo di Catania, numero 1 del tabellone, abbandonava così il sogno di vincere un'altra medaglia olimpica dopo il bronzo individuale e l'oro a squadre conquistati ad Atene nel 2004. «Sono dispiaciuto perché è il sogno di una vista, ma le considerazioni si faranno alla fine» sottolineava a fine gara Cassarà . «Non so se è stato solo il nervosismo, sono stanco ma ora penso alla squadra», spiegava. Analizzando la gara contro l'egiziano AbouelKassem, Cassarà approfondiva: «Il fatto di dover tornare in pedana dopo 10 minuti dagli ottavi non mi ha aiutato. L'organizzazione non mi ha concesso 10 minuti di riposo in più e non riuscivo più a spingere e a respirare».
Più critico con il compagno di squadra Valerio Aspromonte: «Mi dispiace per Andrea che è un grandissimo campione anche se non è mai stato un cuor di leone. Se no avrebbe vinto 10 titoli mondiali di fila e non uno solo». Aspromonte parlava poi della sua gara: «Sull'8-4 in mio favore ho avuto trenta secondi di buio. In quel momento - spiega il fiorettista romano - il cinese ha trovato maggiori motivazioni di me, non so per bravura, fortuna o forza di volontà, mettendo delle stoccate che prima non aveva mai messo. Io non ero pronto, ho avuto insicurezza, un momento di stop, e lui mi ha aggredito. Non riuscivo a respirare, a trovare qualcosa che mi facesse uscire fuori dal tunnel: era in suo completa balia e non mi era mai successo. Perchè è capitato? Succede in ogni sport, e anche in allenamento. Solo che in quei casi tiri su le spalle, alle Olimpiadi invece le conseguenze le paghi per quattro anni, finchè non hai un'altra occasione. In un Mondiale - conclude Aspromonte - è tutto diverso, capita ogni anno e la rivincita puoi averla subito». (Fonte articolo, clicca qui)

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per commentare in questo sito.